PRIMO PIANO

Anomalie dati ISA: individuate le specifiche tecniche 2016-2018

16 Novembre 2021 in Notizie Fiscali

Con Provvedimento n 314145/2021 di ieri 15 novembre le Entrate rendono disponibili ai contribuenti tenuti all’applicazione degli indici sintetici di affidabilità fiscale (di seguito ISA) di cui all’articolo 9-bis del decreto legge 24 aprile 2017, n. 50, convertito, con modificazioni, dalla legge 21 giugno 2017, n. 96, i seguenti elementi ed informazioni: 

a) comunicazioni relative a possibili omissioni o anomalie nei dati dichiarati ai fini degli studi di settore o degli ISA, in allegato a REDDITI, rilevate dall’Agenzia delle entrate sia analizzando i dati stessi sia le altre fonti informative disponibili; 

b) risposte inviate dal contribuente, anche per il tramite del proprio intermediario, relative alle comunicazioni di cui al precedente punto utilizzando la specifica procedura informatica resa disponibile dall’Agenzia delle entrate. 

Tutto ciò, al fine di introdurre nuove e più avanzate forme di comunicazione tra il contribuente e l’amministrazione finanziaria, anche in termini preventivi rispetto alle scadenze fiscali, comunicazioni che favoriscano:

  • un costante dialogo finalizzato a semplificare gli adempimenti, 
  • stimolare l’assolvimento degli obblighi tributari 
  • favorire l’emersione spontanea delle basi imponibili, nonché a regolarizzare eventuali violazioni

Inoltre con il Provvedimento di cui si tratta è stato approvata, in allegato n. 1 (scarica qui il pdf), la specifica tecnica con cui sono individuate, per il triennio 2016-2017-2018, le tipologie di anomalie nei dati degli studi di settore e degli ISA previste alla lettera a) del punto 1.1 del presente provvedimento. 

Si specifica che i contribuenti, personalmente o attraverso i loro intermediari delegati, possono prendere visione della comunicazione di anomalia di cui sono destinatari consultando il cassetto fiscale, mediante i servizi telematici dell’Agenzia delle entrate.
Le incongruenze sono comunicate anche via ENTRATEL all’intermediario, se il contribuente ha effettuato questa scelta al momento della presentazione della dichiarazione dei redditi e se il professionista ha accettato, nella stessa dichiarazione, di riceverle. 

All’interno dell’area riservata del sito dell’Agenzia di ciascun utente viene visualizzato un avviso personalizzato nell’area autenticata e inviato, un messaggio di posta elettronica e/o SMS con cui l’Amministrazione comunica la pubblicazione dell’avviso nel cassetto fiscale del contribuente interessato.

Si legga anche Anomalie ISA: in arrivo le comunicazioni delle Entrate. Possibile fare correzioni

Studio Bossalini - Commercialista e Revisore Contabile