PRIMO PIANO

Bonus fiere: quali sono le spese ammissibili all’agevolazione?

2 Settembre 2022 in Domande e risposte

Il DL Aiuti pubblicato in GU n 164 del 15 luglio 2022 con l’articolo 25-bis ha previsto un nuovo incentivo, il bonus fiere, prenotabile dal 9 settembre 2022 e riservato:

  • alle imprese aventi sede operativa nel territorio nazionale
  • che, dalla data di entrata in vigore della legge di conversione del decreto ossia dal 16 luglio al 31 dicembre 2022, 
  • partecipano alle manifestazioni fieristiche internazionali di settore organizzate in Italia, 
  • di cui al calendario fieristico approvato dalla Conferenza delle regioni e delle province autonome,
  • è rilasciato un buono del valore di 10.000 euro noto come bonus fiere

Il MISE,  in risposta ai dubbi dei beneficiarie in data 31 agosto ha pubblicato una serie di FAQ. Vediamo un chiarimento sulle spese ammissibili al bonus

Quali sono le spese ammissibili all’agevolazione?

Come previsto dall’articolo 4 del decreto direttoriale 4 agosto 2022, sono ammissibili all’agevolazione, fino a esaurimento delle risorse disponibili per l’intervento, le spese sostenute dalle imprese per la partecipazione alle manifestazioni fieristiche, consistenti in:

  1. spese per l’affitto degli spazi espositivi. Oltre all’affitto degli spazi espositivi, rientrano in tale categoria le spese relative al pagamento di quote per servizi assicurativi e altri oneri obbligatori previsti dalla manifestazione fieristica;
  2. spese per l’allestimento degli spazi espositivi, comprese le spese relative a servizi di progettazione e di realizzazione dello spazio espositivo, nonché all’esecuzione di allacciamenti ai pubblici servizi;
  3. spese per la pulizia dello spazio espositivo;
  4. spese per il trasporto di campionari specifici utilizzati esclusivamente in occasione della partecipazione alle manifestazioni fieristiche, compresi gli oneri assicurativi e similari connessi, nonché le spese per i servizi di facchinaggio o di trasporto interno nell’ambito dello spazio fieristico;
  5. spese per i servizi di stoccaggio dei materiali necessari e dei prodotti esposti;
  6. spese per il noleggio di impianti audio-visivi e di attrezzature e strumentazioni varie;
  7. spese per l’impiego di hostess, steward e interpreti a supporto del personale aziendale;
  8. spese per i servizi di catering per la fornitura di buffet all’interno dello spazio espositivo;
  9. spese per le attività pubblicitarie, di promozione e di comunicazione, connesse alla partecipazione alla fiera e quelle sostenute per la realizzazione di brochure di presentazione, di poster, cartelloni, flyer, cataloghi, listini, video o altri contenuti multimediali, connessi alla partecipazione alla manifestazione fieristica.

Si chiarisce, in ultimo, che non sono ammesse all’agevolazione le spese relative a imposte e tasse. L’imposta sul valore aggiunto è ammissibile all’agevolazione solo se la stessa rappresenta per il beneficiario un costo effettivo non recuperabile.

Leggi anche Buono fiere: le prenotazioni dal 9 settembre 2022

Studio Bossalini - Commercialista e Revisore Contabile