DIRITTO » Societa', Enti e Professionisti » Corsi Accreditati per Commercialisti

CNDCEC: “Il Manifesto per la riforma del sistema tributario” dei commercialisti

28 Giugno 2021 in Notizie Fiscali

Nel corso del webinar “La ripartenza del Paese dopo l’emergenza: riforma fiscale e della giustizia tributaria, semplificazione e competitività” il presidente del CNDCEC Massimo Miani ha affrontato una questione di attualità già più volte approcciata che ancora merita approfondimenti: ridurre il carico fiscale sul ceto medio, scelta che i commercialisti giudicano imprescindibile per ogni ipotesi di riforma fiscale. 

“L'Italia è un Paese estremamente generoso nella tassazione dei redditi bassi – oltre 10 milioni di contribuenti Irpef su 40 milioni sono a “Irpef zero” – e nella tassazione dei grandi patrimoni ereditari, mentre è un Paese estremamente feroce nella tassazione dei redditi medi e medio-alti“ ha dichiarato Miani

Come specificato nella notizia pubblicata sul sito dello stesso CNDCEC il webinar è stato anche l’occasione di illustrare il “Rapporto sulla riforma dell’Irpef” elaborato nei mesi scorsi da una commissione di esperti voluta dal Consiglio nazionale i cui lavori sono stati coordinati da Carlo Cottarelli il quale si è mostrato pessimista su una riforma organica.

Il rapporto si basa su tre direttrici:

  1. il rafforzamento della neutralità del sistema di tassazione rispetto alle decisioni economiche di produzione e di offerta di lavoro (a meno di scostamenti giustificati da chiare priorità), 
  2. il rafforzamento della parità di trattamento tra contribuenti (equità orizzontale e verticale) 
  3. la semplificazione del sistema impositivo, sia in termini sostanziali sia procedimentali. 

All’iniziativa del Consiglio nazionale dei commercialisti è intervenuto anche il direttore dell’Agenzia delle Entrate, Ernesto Maria Ruffini il quale ha affermato che individuare le priorità della riforma fiscale spetta a legislatore, aggiungendo “ma il mio auspicio è quello di un mantra spesso ripetuto e che rischia di diventare noioso se non trova una corrispondenza: norme semplici, di facile applicazione, organizzate in modo tale da garantire alle amministrazioni una più facile interpretazione e una facile applicazione” che porterebbero “a una più facile adesione da parte dei contribuenti” favorendo “meno evasione”. 

Si riportano i punti principali del manifesto dei commercialisti per la riforma del sistema fiscale.:

  • Istitutzione del "codice tributario" e statuto in Costituzione
  • Abrogazione dell'IRAP
  • Ripristino equità orizzonatale e verticale dell'IRPEF
  • Eliminazione doppio binario per i redditi d'impresa
  • Rilancio delle aggregazioni professionali
  • Riscossione più efficente e meno costosa
  • Rapporto fisco-contribuenti più equilibrato
  • Giustizia tributaria più specializzata

Per ulteriori approfondimento si legga l'articolo sul sito del CNDCEC: https://press-magazine.it/un-fisco-certo-e-equo-in-otto-punti-il-manifesto-dei-commercialisti-per-la-riforma-del-sistema-tributario/

Studio Bossalini - Commercialista e Revisore Contabile